FV, calo prezzi continuerà: da 0,50 a 0,36 $/W entro 4 anni

I moduli fotovoltaici cinesi passeranno dal prezzo di circa 50 centesimi di dollaro a watt dell'ultimo trimestre 2012 a 36 centesimi a watt nel 2017. L'80% della riduzione verrà da automazione e innovazione tecnologica nei processi produttivi, prevede GTM Research. “Impossibile dire quanto in basso si potrà arrivare”.

ADV
image_pdfimage_print

Molti credevano che i prezzi attuali del fotovoltaico avessero toccato il fondo, dato che, causa crisi di sovrapproduzione, le aziende da tempo stanno vendendo sottocosto e per questo i fallimenti sono all’ordine del giorno. Invece arrivano buone notizie in tal senso: ci sono ancora margini relativamente ampi di riduzione.

I moduli fotovoltaici cinesi di aziende come Jinko Solar, Renesola, Trina Solar e Yingli Green Energyinfatti infatti potrebbero passare dai circa 50 centesimi di dollaro a watt di fine 2012 a 36 centesimi nel 2017. A prevederlo è GTM Research – nel suo ultimo report “PV Technology and Cost Outlook, 2013-2017”.

Come si riuscirà ad arrivare così in basso? Gran parte della riduzione dei costi secondo GTM verrà dall’innovazione tecnologica: ad esempio il taglio dei wafer con filo di diamante, nuove tecniche nella lavorazione dei metalli e maggiore automazione che ridurrà il fabbisogno di forza lavoro.

Mentre il crollo dei prezzi di circa 70 cent/W avvenuto al 2010 al 2012 è stato possibile grazie all’erosione dei margini lungo tutta la catena e specialmente nel mercato del silicio e delle altre materie prime, dunque, il report vede i cali di prezzo futuri ricavati soprattutto da cambiamenti nei processi produttivi: innovazione tecnologica e automazione peseranno per l’80% della riduzione (vedi grafico sotto).

“Le raodmap per la riduzione dei costi di ieri non hanno più valore oggi” commenta Shyam Mehta, Senior Analyst di GTM Research nonché tra gli autori del report. “Due o quattro anni fa l’industria puntava ad arrivare a 1 $/W nel 2013. Oggi siamo a 0,50 $/W. Non è facile dire quale sia un obiettivo realistico che il settore possa darsi per i prossimi 3-5 anni. Questo è importante non solo per i produttori e i loro investitori, ma anche per gli installatori e gli sviluppatori di tutto il mondo.”
 

Segui QualEnergia.it  anche su e

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti