Il settore finanziario non considera ancora gli interventi di efficienza energetica come degli investimenti sufficientemente interessanti limitando, in tal modo, la possibilità di utilizzare finanziamenti privati esterni oltre al capitale proprio degli sviluppatori dei progetti e agli incentivi pubblici disponibili. Gli elevati tassi di rischio che le società finanziarie attribuiscono a tali interventi sono legati, […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.