Continuare a produrre e vendere petrolio e gas, in una società sempre “affamata” di combustibili fossili; aumentare gli investimenti in tecnologie pulite e ridurre l’impatto ambientale delle diverse operazioni. Così pensa di muoversi BP nei prossimi anni, nell’ambito di una transizione energetica riconosciuta ma non ancora accettata in profondità, poiché diverse organizzazioni indipendenti, come E3G […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.