Nel 2020 la produzione delle rinnovabili elettriche in Italia è stata pari a 113.967 GWh, dato in aumento dell’1% rispetto al 2019  e nel complesso le rinnovabili hanno coperto circa il 42% della produzione nazionale e il 38% della richiesta di energia elettrica.

Questi alcuni dei dati provvisori sull’esercizio del sistema elettrico nazionale 2020 raccolti da Terna nel report che riassume i risultati più significativi sull’anno trascorso del servizio di dispacciamento (si veda anche l’analisi che avevamo pubblicato a gennaio, sempre da dati Terna).

In particolare, segnala il gestore di rete in una nota introduttiva, il 2020 è stato caratterizzato da una riduzione dei consumi dovuta principalmente all’impatto delle misure restrittive introdotte per fare fronte all’emergenza sanitaria da Covid-19, soprattutto nei periodi di lockdown nazionale (mar-giu 2020) a cui è seguita una graduale ripresa nei mesi successivi.

In Italia, nel 2020, la richiesta di energia elettrica è infatti stata pari a 302.751 GWh (-5,3% sul 2019), soddisfatta per l’89% da produzione nazionale netta destinata al consumo per un valore pari a 270.551 GWh (-3,9% rispetto al 2019) al netto dei consumi dei servizi ausiliari e dei pompaggi.

La quota rimanente del fabbisogno (11%) è stata coperta dalle importazioni nette dall’estero, per un ammontare di 32.200 GWh, -15,6% rispetto all’anno precedente.