Diagnosi energetiche, slitta invio comunicazione all’Enea

CATEGORIE:

La nuova scadenza è fissata al 22 maggio.

ADV
image_pdfimage_print

(Nota della redazione: fino al prossimo 3 aprile, QualEnergia.it ha deciso di rendere accessibili a tutti alcune notizie utili agli operatori nel gestire il lavoro in questa emergenza. Resteranno invece riservati ai soli abbonati al servizio PRO approfondimenti, webinar, bandi e articoli non strettamente legati a queste circostanze eccezionali. Potete abbonarvi o fare un prova gratuita cliccando qui.)

Il termine per la trasmissione dei dati sui risparmi di energia conseguiti dai soggetti obbligati alle diagnosi energetiche da inviare all’Enea, originariamente previsto per il 31 marzo 2020, è stato prorogato al 22 maggio 2020.

Lo slittamento della deadline è dovuto all’emergenza legata al coronavirus.

In una nota l’Enea ricorda inoltre che (ai sensi dell’articolo 7, comma 8 del d.lgs. n. 102/2014) tra i soggetti interessati e obbligati per legge, ricadono le grandi aziende, le attività produttive cosiddette “energivore” e tutte le imprese che hanno implementato un sistema di gestione dell’energia conforme alla norma ISO 50001. Da ultimo, a tale iniziativa può partecipare volontariamente qualsiasi altro tipo d’impresa.

Tra le cosiddette “grandi aziende” rientrano le realtà con più di 250 dipendenti e con un fatturato annuo superiore ai 50 milioni di euro o il cui totale di bilancio annuo supera i 43 milioni di euro.

Mentre le attività produttive “energivore” sono da considerarsi quelle caratterizzate da:

  • un utilizzo annuo di energia elettrica pari ad almeno 1 GWh
  • un’iscrizione negli elenchi della Cassa per i servizi energetici ed ambientali (CSEA)
  • un codice NACE prevalente compreso negli allegati 3 e 5 delle Linee guida dell’Unione Europea.

Consulta anche la raccolta di QualEnergia.it “Emergenza Covid-19

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti