Come abbiamo scritto meno di due settimane fa (Qualenergia.it, Cala la domanda di FV, crescono le scorte di magazzino) il trend al ribasso dei prezzi dei moduli fotovoltaico continua anche a luglio visto che l’industria sta provando a “liberarsi” di un eccesso di magazzino di celle e moduli, che veniva stimato a livello mondiale pari a circa 8,6 GW (giugno 2011).


Solarbuzz che segue l’andamento dei prezzi, spesso meno regolare di quello dei costi che invece negli ultimi mesi sono scesi costantemente, ha constato che in media nell’ultimo mese c’è stato un calo di 12 €cent per watt di picco dei moduli FV venduti al dettaglio. Di questa riduzione, 5 centesimi sono da imputare ai tagli dei prezzi e 7 centesimi per i nuovi moduli con prezzi più bassi entrati nella statistica.


Probabilmente questo calo dei prezzi aumenterà la domanda, ma non è detto che le scorte di magazzino non continueranno a crescere. Qui molto dipenderà dal comportamento dei produttori.


La ricerca di Solarbuzz ha individuato 486 moduli FV con prezzi al dettaglio sotto 2,10 € per watt, quasi il 40% della statistica complessiva; un numero in crescita rispetto al mese di giugno. Nel grafico l’andamento dell’indice di prezzo dei moduli al dettaglio dal 2002.


A luglio il prezzo più basso per i moduli FV policristallini registrato è di 1,16 €/Wp (da distributore USA), in calo del 5% rispetto al più basso del mese di giugno; per i moduli monocristallini il prezzo più basso è di 1,22 €/Wp (rivenditore asiatico), con un -3% rispetto a giugno. Per i film sottili il prezzo registrato come più basso è pari a 0,96 €/Wp (da rivenditore negli USA) ed è pressoché stabile rispetto al mese precendente. E’ chiaro che questi prezzi potrebbero mutare in base alle quantità acquistate. Inoltre non comprendono le tasse.


Secondo una stima di Solarbuzz il costo del modulo fotovoltaico oggi costituisce ancora il 50-60% del costo totale dell’impianto.


Per quanto riguarda gli inverter, questo mese il loro prezzo medio al dettaglio si mantiene stabile e in euro viene stimato, secondo l’indice Solarbuzz, in 0,5 € per watt continui. Sebbene il prezzo degli inverter negli ultimi mesi abbia oscillato leggermente, va detto che rispetto al luglio 2010 il prezzo al dettaglio si è ridotto di circa il 12%. Nella ricerca, circa il 90% dei prezzi degli inverter sono stati quotati in dollari visto che il grosso dei rivenditori è statunitense.