L’idroelettrico in Italia, la situazione

  • 27 Ottobre 2009

CATEGORIE:

Il GSE ha pubblicato i dati statistici del settore idroelettrico in Italia al 31 dicembre 2008. Installata una potenza di 17.623 MW, cioè il 71,6% di quella da rinnovabili. Nell'anno i 2184 impianti hanno prodotto 41.623 GWh, cioè il 13% della produzione totale di elettricità.

ADV
image_pdfimage_print

A fine 2008, in Italia, risultano in esercizio 2.184 impianti alimentati da fonte idrica per un totale di 17.623 MW di potenza installata e una produzione complessiva di 41.623 GWh, cioè il 13% della produzione totale di energia elettrica.
I dati sono contenuti nella prima edizione del documento “L’idrico. Dati statistici al 31 dicembre 2008”, pubblicato dal Gestore dei Servizi Elettrici (vedi documento allegato).
Dal rapporto – nel quale si fa riferimento esclusivamente alla componente di produzione idroelettrica ascrivibile alla fonte idrica rinnovabile (apporti naturali) e non alla produzione idroelettrica totale, che comprende anche produzione da pompaggio – emerge che la potenza idroelettrica costituisce il 71,6% della capacità installata relativa alle fonti rinnovabili utilizzate in Italia. Lo studio, che descrive l’evoluzione della potenza installata e della numerosità degli  impianti nel corso degli ultimi 12 anni, dimostra che la potenza idroelettrica non è variata in modo considerevole.

Secondo una statistica per taglia installata, vediamo che nel 2008 sono operativi impianti fino a 1 MW per un totale di 450 MW; impianti da 1 a 10 MW per 2.156 MW; impianti con taglie oltre i 10 MW per 15.018 MW.
Di seguito alcuni dati significativi:
• Il numero, la potenza e la produzione degli impianti a fonte idrica sono variati, dal 2007 al 2008, rispettivamente del 2,6%, dello 0,9% e del 26,8%.
Nell’Italia settentrionale le più alte quote di produzione realizzata sono da attribuire alla Lombardia e al Trentino Alto Adige, con, rispettivamente, il 25,2% ed il 22,3%.
• In Italia centrale l’Umbria con il 2,6% mostra il valore più elevato.
• Tra le regioni meridionali si distinguono la Calabria e la Campania con quote di produzione, rispettivamente, del 1,6% e del 1,0%.
• Riguardo alle isole, la Sardegna si attesta a 0,6%, mentre la Sicilia presenta un valore pari allo 0,2%.

Per l’anno 2008, inoltre, nel confronto della produzione idroelettrica italiana con quella dei Paesi dell’Ue 15, l’Italia occupa il 3° posto in termini di produzione da apporti naturali, preceduta da Svezia e Francia.
Nell’Europa dei 15 la produzione idroelettrica rappresenta il 57,4% della produzione da rinnovabili e il 10% della produzione lorda di energia elettrica.
Francia, Svezia e Austria coprono oltre l’85% della loro produzione da rinnovabili con la produzione idroelettrica. L’Italia detiene il 4° posto.
L’incidenza rispetto alla produzione lorda vede l’Italia al 5° posto con un 13%. Il primato è detenuto dall’Austria che copre il 56,4% della produzione totale con la produzione idroelettrica rinnovabile.

 

27 ottobre 2009

 

 

 

Potrebbero interessarti
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti