Secondo il rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (United Nations Environment Programme-UNEP) uscito questa settimana e intitolato “Tendenze Globali degli Investimenti nelle Energie Sostenibili 2008” (vedi in  allegato), le preoccupazioni inerenti ai cambiamenti climatici, il crescente sostegno da parte dei Governi, l’aumento dei prezzi del petrolio e le problematiche relative alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico hanno determinato nel 2007 forti investimenti nel settore delle fonti di energia rinnovabili e dell’efficienza energetica.

Nel corso del 2007 il settore delle rinnovabili e dell’efficienza energetica ha registrato a livello mondiale un aumento dei finanziamenti superiore a 148 miliardi di $, circa il 60% in più rispetto al 2006. Il comparto dell’energia eolica è quello che ha attratto la maggior parte degli investimenti (50,2 miliardi di $), ma quello dell’energia solare ha registrato il maggior tasso di crescita (con 28,6 miliardi di $ di nuovo capitale e un tasso del 254% dal 2004).

L’Europa è risultata ancora l’area che la leadership per gli investimenti, con un record degli asset finanziari nel 2007 di 49,5 miliardi di $, pari al 62% di quelli mondiali.
Negli Stati Uniti l’accettazione dell’energia rinnovabili è aumentata in tutto il paese, così come in Cina dove gli investimenti in fonti rinnovabili non legati a risorse idriche sono quadruplicati. Il Brasile rappresenta il mercato delle rinnovabili più vasto in tutto il mondo, grazie alle consolidate industrie idroelettriche e di bioetanolo.
Anche in India i finanziamenti sono aumentati considerevolmente, facendo piazzare il paese al quarto posto nel mondo per le installazioni.
L’Africa continua ad essere indietro rispetto agli altri Paesi in termini di investimenti nelle energie sostenibili; nel 2007 comunque i finanziamenti si sono attestati su 1,3 miliardi di $, pari a cinque volte quelli del 2006, invertendo così la tendenza ad una graduale diminuzione dal 2004.

Fonte: News Ipcc Italia

4 luglio 2008