Il primo impianto eolico offshore entro in esercizio nel 1991 a Vindeby (Danimarca). Era costituito da 11 macchine. Alla fine del 2006, 18 centrali eoliche offshore realizzate in 5 paesi europei hanno portato la potenza a quasi 900 MW, 420 nella sola Danimarca. Questa quota rappresenta solo l’1,8% di tutta la potenza eolica installata, anche se la produzione di elettricità è del 3,3% su quella generata da eolico.

Wind Offshore in EuropaTuttavia lo sviluppo del settore è destinato a crescere notevolmente nei prossimi anni. Si ritiene che entro il 2015, in base agli attuali progetti offshore già pianificati in 8 paesi europei, la potenza potrebbe crescere di 15 volte l’attuale e raggiungere 15 GW (15.000 MW). Entro il 2020, se verranno rimosse le attuali barriere non tecnologiche che la tecnologia deve ancora affrontare, l’EWEA (European Wind Energy Association) stima che la potenza potrebbe arrivare finio a 40 GW.

Di questi sviluppi si parlerà alla fiera-conferenza “European Offshore Wind”  che si terrà a Berlino tra il 4 e il 6 dicembre 2007.

25 ottobre 2007