Atomo sotto sfratto

  • 19 Aprile 2006

CATEGORIE:

Anche in una nazione filonucleare come l'Inghilterra le crepe sono vistose

ADV
image_pdfimage_print

In Gran Bretagna è in corso un profondo dibattito messo in moto dalla volontà governativa di riaprire il discorso del nucleare.
Un documento sui futuri scenari energetici, pubblicato il 16 aprile dalla Commissione ambiente del parlamento del Regno Unito, rappresenta un brutto colpo per Tony Blair. Nel rapporto si sostiene che il rilancio del nucleare non rappresenta la soluzione più intelligente e che vanno invece perseguite con maggiore incisività di quanto fatto finora le politiche dell’efficienza energetica, delle fonti rinnovabili, del sequestro dell’anidride carbonica, comparti che sono esaminati in dettaglio all’interno del rapporto.
Nel documento si mette in discussione anche la volontà governativa di forzare il nucleare rispetto alle scelte del mercato, molto scettico rispetto all’opportunità di investire in un’opzione colma di incertezze.
Il governo annuncerà la propria posizione alla fine di luglio, ma certo questo rapporto indebolisce notevolmente l’ipotesi di riaprire il discorso atomico.

Per maggiori infornazioni 

http://www.parliament.uk/parliamentary_committees/environmental_audit_committee/eac_30_03_06b.cfm

 

18 aprile 2006

 

Potrebbero interessarti
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti