Trigenerazione e fotovoltaico, la soluzione di CGT per un’azienda produttrice di pasta

  • 6 Novembre 2023

CATEGORIE:

CGT ha realizzato un innovativo impianto di trigenerazione con fotovoltaico e un sistema di gestione digitale del processo presso lo stabilimento produttivo di Surgital.

ADV
image_pdfimage_print

Cogenerazione e fotovoltaico insieme, il tutto gestito da sistemi di intelligenza artificiale per l’ottimizzazione dell’esercizio e della sostenibilità ambientale.

Un esempio di generazione distribuita è quello che CGT ha fornito a un’importante realtà industriale italiana. CGT ha realizzato un innovativo impianto di trigenerazione con fotovoltaico e un sistema di gestione digitale del processo presso lo stabilimento produttivo di Surgital.

Surgital nasce nel 1980 ed è una family company di pastai da generazioniche porta la pasta fresca surgelata made in Italy nel mondo. Oltre che alla qualità, l’azienda dà particolare attenzione all’ambiente, all’economia circolare e all’abbattimento delle proprie emissioni.

Lo stabilimento ha bisogno di una grande quantità di energia per alimentare 34 linee produttive e lo stoccaggio sottozero. Nelle varie fasi del ciclo produttivo sono fondamentali l’energia elettrica, l’energia termica sotto forma di vapore saturo per le cotture e l’acqua calda per il preriscaldo dell’acqua alimentare, nonché l’energia frigorifera per il surgelamento e il mantenimento a -20° in magazzino del prodotto congelato.

Surgital si è affidata così a CGT per la realizzazione di una centrale trigenerativa integrata con un impianto fotovoltaico.

Il recente revamping dell’impianto ha previsto l’inserimento di un nuovo gruppo elettrogeno da 4,3 MW e di un impianto fotovoltaico da 2,5 MW, che rende lo stabilimento autosufficiente dal punto di vista elettrico e con energia rinnovabile. A corredo vi sono la caldaia a recupero per la produzione di calore e il gruppo frigo da assorbimento.

Gli effetti energetici e ambientali sono molto interessanti: l’impianto a regime ha una produzione totale annuale di circa 3.350.000 kWh elettrici, con un risparmio di CO2 pari a 2.000 tonnellate all’anno, che arrivano a 2.900 con il nuovo impianto fotovoltaico integrato.

Come controllare e orchestrare tutti i componenti?

CGT per questo ha installato una piattaforma di monitoraggio predittivo e proattivo integrata nello stabilimento che consente, anche in base alle previsioni meteo, di valutare quale sia la produzione dell’impianto gestendo al meglio l’integrazione di tutti i vettori energetici.

Il software implementato in Surgital monitora e analizza il funzionamento degli impianti di produzione grazie all’utilizzo di algoritmi evoluti che esaminano l’enorme mole di dati proveniente dal campo.

L’output che ne consegue sono tutte le informazioni utili per permettere agli operatori di condurre gli impianti in modo ottimizzato.

Per informazioni: Soluzioni e servizi di CGT

Potrebbero interessarti
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti