Superbonus, prorogata al 30 settembre la scadenza del 30% dei lavori per le unifamiliari

Lo prevede il decreto energia approvato nel consiglio dei ministri del 2 maggio. Il termine originario per poter utilizzare la maxi detrazione del 110% fino a dicembre era fissato al 30 giugno.

ADV
image_pdfimage_print

Il termine per completare almeno il 30% dei lavori per gli interventi sulle case unifamiliari e poter così utilizzare il Superbonus per tutto il 2022, è stato posticipato dal 30 giugno al 30 settembre 2022.

La norma (art. 15 della bozza allegata in basso) è stata inserita nel decreto energia e investimenti approvato ieri, lunedì 2 maggio, dal Consiglio dei ministri.

In pratica, il nuovo testo interviene sul decreto Rilancio (art. 119, secondo periodo del comma 8-bis), stabilendo ora che (corsivo e neretti nostri): “Per gli interventi effettuati su unità immobiliari dalle persone fisiche di cui al comma 9, lettera b), la detrazione del 110 per cento spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, a condizione che alla data del 30 settembre 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30 per cento dell’intervento complessivo, nel cui computo possono essere compresi anche i lavori non agevolati ai sensi del presente articolo”.

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO

Si veda anche: Tutto sul Superbonus 110%, la raccolta di QualEnergia.it

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti