È possibile fornire un tenore di vita dignitoso ad una popolazione mondiale di 10 miliardi di persone per meno del 40% dell’energia globale consumata attualmente.

Dieci miliardi di persone è il numero degli abitanti sul pianeta che si prevede possa essere raggiunto appunto entro il 2050.

Un nuovo studio dell’Università di Leeds, in Gran Bretagna, spiega che si tratterebbe di un fabbisogno pari a solo il 25% circa di quanto ha previsto dall’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) se le tendenze attuali continuassero senza modifiche, e di un livello di consumo energetico globale equivalente a quello degli anni ’60, quando la popolazione era di soli 3 miliardi di abitanti (lo studio è scaricabile dal link in fondo a questo articolo).

Lo studio dell’Università di Leeds, “Providing decent living with minimum energy: A global scenario”, ha stimato le risorse energetiche necessarie per garantire a tutti un buon tenore di vita comprendendovi quindi tutti i bisogni umani di base, come alloggio, mobilità, cibo, assistenza sanitaria moderna e di alta qualità, istruzione e tecnologie per la comunicazione e l’informazione, come mostrato nelle due illustrazioni.

 

Gli autori sottolineano che per raggiungere questo obiettivo sarebbero necessari cambiamenti radicali nei consumi attuali, un’ampia diffusione di tecnologie avanzate e l’eliminazione delle disuguaglianze globali di massa (nella foto in alto distribuzione mondiale dei consumi di energia pro-capite nel 2019).

Tuttavia, non solo i risultati mostrano che l’energia necessaria per fornire una vita dignitosa potrebbe probabilmente essere soddisfatta interamente da fonti pulite, ma confutano le affermazioni secondo cui la riduzione dei consumi globali a livelli sostenibili richiederebbe la fine dei comfort moderni e un “ritorno ai secoli bui”.

Nello studio, gli autori ricorrono anche all’umorismo per ribattere alle critiche secondo cui una riforma radicale dell’energia richiederebbe che tutti tornassero a vivere nelle caverne, scrivendo “sì, forse, ma sono grotte piuttosto lussuose, con strutture altamente efficienti per cucinare, conservare il cibo e lavare i panni; temperature confortevoli tutto l’anno e reti di computer, per non parlare delle grotte più grandi che forniscono assistenza sanitaria e istruzione universale a tutti i giovani dai 5 ai 19 anni”.

Lo studio ha calcolato il fabbisogno minimo finale di energia, sia diretto che indiretto, necessario a fornire un livello di vita decente.

L’energia finale è quella fornita al consumatore, per esempio il riscaldamento, l’elettricità o la benzina che entra in un’auto, piuttosto che l’energia incorporata nei carburanti stessi, gran parte della quale viene persa nelle centrali elettriche nel caso della produzione con combustibili fossili.

I ricercatori hanno costruito un modello finale di energia che si basa su un elenco di bisogni materiali che sono alla base del benessere umano, precedentemente sviluppato da Narasimha Rao e Jihoon Min.

È stato fatto un confronto fra l’attuale consumo finale di energia in 119 paesi con le stime del fabbisogno finale di energia per una vita dignitosa e si è rilevato che la stragrande maggioranza dei paesi vive in un significativo surplus. In altre parole, spreca un sacco di energia.

Nei paesi che oggi sono i maggiori consumatori pro capite di energia sarebbero possibili tagli di quasi il 95%, pur garantendo a tutti un ottimale tenore di vita.

“Attualmente, solo il 17% del consumo finale globale di energia proviene da fonti di combustibile non fossile. Ma dentro questa quota c’è quasi il 50% di quello che riteniamo sia necessario per fornire un tenore di vita decente a tutti nel 2050″, ha dichiarato in una nota l’autore principale dello studio, Joel Millward-Hopkins della School of Earth and Environment dell’ateneo di Leeds.

“Nel complesso, il nostro studio è coerente con argomentazioni di lunga data secondo cui le soluzioni tecnologiche già esistono per sostenere la riduzione del consumo di energia a un livello sostenibile. Quello che aggiungiamo è che i sacrifici materiali necessari per queste riduzioni sono molto più piccoli di quanto molte dicerie popolari implichino”, ha detto il ricercatore.

Una coautrice dello studio, Julia Steinberger, leader del progetto Living Well Within Limits dell’Università di Leeds e docente all’Università di Losanna in Svizzera, ha detto che mentre spesso si accusano gli attivisti ambientali di ‘minacciare il nostro stile di vita’, vale la pena riesaminare ciò che questo stile di vita dovrebbe comportare. C’è stata una tendenza a semplificare l’idea di una buona vita nella convinzione che avere di più sia meglio. È chiaramente alla nostra portata offrire una vita dignitosa a tutti, pur proteggendo il nostro clima e gli ecosistemi”.

Secondo un altro coautore della ricerca, iNarasimha Rao dell’Università di Yale, negli Usa, “questo studio conferma anche le nostre precedenti scoperte su scala globale, secondo cui eradicare la povertà non è un ostacolo alla stabilizzazione del clima, ma piuttosto la ricerca di un’indiscussa ricchezza in tutto il mondo”.

Un altro coautore dello studio, Yannick Oswald, dottorando presso la Scuola di Terra e Ambiente di Leeds, ha concluso dicendo che “per evitare il collasso ecologico, è chiaro che devono avvenire a tutti i livelli delle trasformazioni sociali drastiche e impegnative, dall’individuo all’istituzione, dall’offerta alla domanda”.