FV su tetto industriale, accordo per 3 MW tra Gruppo Inveco e Anodall

CATEGORIE:

L’impianto fotovoltaico nel veronese produrrà circa 3,3 GWh/anno. Anodall, azienda dell’alluminio, coprirà il 25% dei propri consumi. Il rientro dell'investimento in circa 5 anni. Gruppo Inveco è il general contractor.

ADV
image_pdfimage_print

Il 5 giugno il Gruppo Inveco ha firmato un accordo per la realizzazione di un impianto fotovoltaico da 3 MW sul tetto di Anodall, un’azienda veneta che opera nel settore dell’alluminio, con sede a Trevenzuolo, in provincia di Verona.

Il general contractor, Inveco, è specializzato in costruzioni edili industriali chiavi in mano e realizzazione di impianti per la produzione di energie rinnovabili.

Con Anodall ha avviato a ottobre 2022 il primo studio di fattibilità che prevedeva la realizzazione di un impianto da 900 kWp. Subito dopo il primo incontro, il Ceo di Anodall, Marco Pedrocchi, ha manifestato la sua volontà di prevedere un impianto di potenza maggiore.

Così il progetto è stato ampliato ed è stato previsto il rifacimento dei 15.000 mq della copertura sul corpo principale dello stabilimento.

Questo intervento ha permesso di portare a 2 MW la potenza dell’impianto installabile su quella singola porzione di tetto.

Ha contribuito alla stesura del progetto anche Iscom SpA, azienda esperta nella realizzazione di coperture industriali, che con il proprio brevetto “riverclack” è in grado di sviluppare progetti di coperture per grandi superfici, garantendo una ottimale tenuta dell’acqua. Con questo sistema, l’impianto fotovoltaico è totalmente integrato alla copertura, senza fori e staffaggi di nessun tipo.

L’ultimo megawatt verrà installato successivamente sulle restanti coperture dello stabilimento di Anodall.

I moduli fotovoltaici che verranno utilizzati sono i Jinko Solar Tiger Neo N-type JKM564-585N-72HL4 (modello da 570 watt), abbinati a inverter multistringa Growatt 125 Ktl 3-Xlv. Saranno utilizzati circa 100 km di cavi solari, che serviranno a formare le stringhe dell’impianto.

Nelle prossime settimane, gli ingegneri del Gruppo Inveco prepareranno il progetto esecutivo, che sarà caratterizzato da 4 sezioni di impianto equipollenti, collegate in base alla ripartizione dei consumi dello stabilimento industriale su quattro trasformatori di media tensione.

  • Porzione 1 (riverclack) 2.042,31 kWp – numero moduli: 3.583
  • Porzione 2 (shed) 287,28 kWp – numero moduli: 504
  • Porzione 3 (uffici) 63,84 kWp – numero moduli: 112
  • Porzione 4 (2°plant) 610,47 kWp – numero moduli: 1.071

L’intervento, chiavi in mano, si svolgerà da giugno a dicembre 2023. L’impianto avrà una producibilità annua di 3.295.000 kWh (circa 3,3 GWh), che permetteranno ad Anodall di coprire circa il 25% dei propri consumi.

Il 95% della prodduzione annua sarà volto all’autoconsumo, abbattendo considerevolmente la bolletta elettrica e consentendo al cliente un ritorno economico dell’investimento in circa 5 anni. La restante energia sarà immessa nella rete nazionale, prevalentemente nel mese di agosto.

Con questo importante investimento, Anodall avrà uno dei progetti FV “rooftop” più importanti realizzati in Veneto e nel nord Italia.

Potrebbero interessarti
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti