Ecobonus lavori 2018, si possono ancora correggere i dati inviati all’Enea?

Un chiarimento dell'Agenzia nazionale.

ADV
image_pdfimage_print

Per usufruire dell’ecobonus per i lavori completati nel 2018 è possibile rettificare i dati entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi, presumibilmente il 31 ottobre 2019, accedendo al sito d’invio 2018.

Lo ha precisato l’Enea nelle FAQ relative alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico negli edifici esistenti.

Nella risposta l’Agenzia Nazionale ha ricordato che “i documenti per i quali non si è ricevuto il codice CPID risultano ancora in lavorazione e quindi non inviate all’ENEA”.

Inoltre, chiarisce l’Enea, non è necessario rettificare la documentazione qualora sia stato indicato un nominativo diverso dall’intestatario del bonifico o della fattura o non sia stato indicato che possono beneficiare dell’agevolazione più contribuenti.

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO

Consulta anche la raccolta di QualEnergia.it Tutto sulle detrazioni fiscali

ADV
×