Quando il destinatario del bonifico per interventi edilizi incentivati con detrazioni fiscali non è residente e non ha un conto in Italia, il pagamento deve essere effettuato con bonifico (bancario o postale) internazionale, sul quale vanno indicati il codice fiscale di chi beneficia della detrazione e la causale del versamento.

Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate, rispondendo, tramite il suo portale Fisco Oggi, a un contribuente che vuole acquistare delle finestre da una ditta estera e farle installare da una italiana e chiede se sia possibile fruire della detrazione qualora la ditta estera non possieda un conto corrente presso una banca italiana e quali dati indicare sul bonifico.

Nella sua risposta, l’Agenzia fa riferimento alla circolare n. 11/2014 e ricorda che nel bonifico va riportato il codice identificativo della ditta estera eventualmente attribuito dal Paese di residenza. Questo codice sostituisce il numero di partita Iva o il codice fiscale che è necessario indicare nei bonifici a favore di soggetti residenti in Italia. La ricevuta del bonifico deve essere conservata insieme agli altri documenti richiesti per usufruire della detrazione.

La raccolta di QualEnergia.it “Tutto sulle detrazioni fiscali”