L’Agenzia delle entrate ha pubblicato le linee guida per il 2022 sulla prevenzione e contrasto all’evasione fiscale, nella quale si dedica un ampio spazio alle detrazioni fiscali per l’edilizia.

Si spiega tra le altre cose che saranno intensificati i controlli dei dati contenuti nella piattaforma per la cessione dei crediti, per individuare l’immissione nel sistema di crediti d’imposta inesistenti, verificare le responsabilità nella violazione fiscale di tutti i soggetti coinvolti e segnalare le condotte criminose all’Autorità giudiziaria.

Con riferimento alle attività di analisi del rischio, le strutture delle direzioni regionali competenti per i grandi contribuenti dovranno concentrare le proprie risorse sui soggetti che presentano un maggior rischio fiscale, ovvero su quelli che non esprimono comportamenti collaborativi e trasparenti, si legge nella circolare.

Il giudizio sulla maggiore o minore rischiosità del soggetto terrà conto degli indicatori di rischio che emergono dall’analisi degli elementi informativi disponibili.

Per quanto riguarda il presidio antifrode, si legge nella circolare, la strategia di intervento dell’Agenzia prevede, da un lato, il potenziamento delle attività di prevenzione ed allerta precoce, anche attraverso l’utilizzo di nuovi strumenti informatici, e dall’altro un incremento delle risorse dedicate alle indagini e ai controlli sostanziali per il contrasto ai fenomeni di frode più rilevanti ed insidiosi, sia di carattere nazionale che transnazionale.

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO

Si veda anche: Tutto sul Superbonus 110%, la raccolta di QualEnergia.it