Riforma del mercato elettrico, l’accordo raggiunto dal Consiglio europeo

PRO

Superato lo stallo tra Francia e Germania. La nuova architettura di mercato punta sugli accordi di compravendita di energia (PPA) e i contratti per differenza (CfD) obbligatori con fondi pubblici solo per i nuovi impianti.

ADV
image_pdfimage_print

Il processo di riforma dei mercati elettrici europei ha fatto ieri un importante passo avanti. Si va verso una maggiore centralità dei PPA e l’adozione obbligatoria dei contratti per differenza (CfD) che vedano coinvolti fondi pubblici solo per i nuovi impianti, superando l’ostacolo principale che aveva visto finora contrapposti due fronti guidati da Francia e […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO
Sei abbonato PRO? Accedi con le tue credenziali.
Non sei abbonato PRO? Scopri i servizi dell’abbonamento annuale: provalo gratis per 10 giorni o abbonati subito.
ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti