Un progetto Enea per l’innovazione nelle imprese italiane

CATEGORIE:

Con il progetto "Knowledge Exchange Program", l'ente mette a disposizione delle imprese un team di 15 ‘ambasciatori dell’innovazione’ e un fondo da 2,5 milioni di euro per lo sviluppo di progetti.

ADV
image_pdfimage_print

Rafforzare la crescita e la competitività delle aziende italiane con soluzioni innovative ‘su misura’, con la consulenza di ricercatori dedicati e il supporto di infrastrutture all’avanguardia.

È l’obiettivo del Knowledge Exchange Program (KEP) dell’ENEA che mette a disposizione delle imprese e delle loro associazioni un team di 15 ‘ambasciatori dell’innovazione’, specializzati nel trasferimento tecnologico, e un fondo da 2,5 milioni di euro per lo sviluppo di progetti congiunti e il portale dedicato www.kep.enea.it con una selezione di tecnologie e servizi avanzati al quale è possibile  iscriversi già da ieri, 16 maggio.

L’iniziativa sviluppata in collaborazione con CNA, Confapi, Confartigianato, Confindustria e Unioncamere – racconta una nota stampa dell’ente – è stata presentata a Roma nel corso dell’evento ‘Innovare insieme: una sfida per Istituzioni, Ricerca e Imprese’.

“Il KEP nasce dalla volontà ENEA di costruire nuovi ponti fra ricerca pubblica e mondo produttivo, partendo da un’esperienza di successo come l’Industrial Liaison Program del MIT di Boston”, ha sottolineato il presidente dell’ENEA Federico Testa.

“L’obiettivo è di sviluppare tecnologie e progetti innovativi attraverso rapporti duraturi di collaborazione e fiducia con le imprese, nella prospettiva di ‘Terza Missione’ e di ‘scambio di conoscenza’”, ha aggiunto.

In questa direzione va anche il fondo per il Proof of Concept da 2,5 milioni di euro, a cui accennavamo prima, con l’obiettivo di supportare lo sviluppo di progetti per innalzare il TRL (Technology Readiness Level) di risultati della ricerca particolarmente promettenti ottenuti da ricercatori ENEA e avvicinarli alla commercializzazione, insieme ad imprese che vogliono condividere il rischio dell’investimento.

Il progetto è aperto ai soggetti del mondo produttivo che vogliono investire in questa direzione. I primi 13 progetti finanziati partiranno a breve, dopo un percorso che ha visto la presentazione di 80 proposte e 64 manifestazioni di interesse selezionate in collaborazione con IBAN, l’associazione italiana dei business angel.

Le imprese che si iscrivono al KEP vengono contattate da un Knowledge Exchange Officer (KEO) dell’ENEA, una sorta di ‘ambasciatore dell’innovazione’ appositamente formato per individuare soluzioni innovative ‘su misura’ dell’impresa partner, anche organizzando visite ai laboratori dell’Agenzia, incontri diretti con i ricercatori, seminari, workshop. Ogni KEO è specializzato in una delle sei tematiche selezionate per il portale KEP: sicurezza delle infrastrutture critiche, diagnostica avanzatastrumenti medicali ad alta tecnologia, tecnologie per i beni culturali, biotecnologie per salute e agroindustria, energia.

Il raccordo con il sistema industriale è assicurato dall’advisory board composto dai rappresentanti delle cinque associazioni che collaborano al KEP, anche attraverso raccomandazioni e pareri per accrescere l’efficacia e il funzionamento ottimale del progetto e stimolare il coinvolgimento attivo degli stakeholder nella definizione di strategie e iniziative (public engagement).

Oltre al KEP e al Fondo per il Proof of Concept, ENEA ha previsto iniziative con il mondo del venture capital per offrire ulteriori strumenti a supporto di ricerca e innovazione e iniziative per far conoscere il Progetto KEP ai potenziali beneficiari, fra cui anche un numero speciale della rivista ENEA ‘Energia Ambiente e Innovazione’ (EAI) dal titolo Insieme per l’innovazione: la nuova sfida per Ricerca e Imprese.

Il Knowledge Exchange Program si aggiunge ad altri strumenti introdotti da ENEA a supporto del trasferimento di tecnologie servizi innovativi al mondo produttivo come l’Atlante dell’innovazione tecnologica con oltre 500 tecnologie e servizi e la banca dati sui brevetti, entrambe consultabili on line.

È inoltre disponibile il Servizio Industria e Associazioni Imprenditoriali che assicura l’accesso e il trasferimento dei risultati dei progetti e delle attività ENEA al mondo produttivo con particolare riferimento alle PMI e alle loro associazioni.

In particolare:

  • promuove e facilita l’incontro tra domanda e offerta di innovazione anche attraverso la partecipazione a reti nazionali e internazionali e l’organizzazione di road show sul territorio;
  • propone accordi per l’utilizzo di brevetti ENEA, la costituzione di laboratori, la realizzazione di progetti di innovazione tecnologica;
  • svolge attività di ricerca di potenziali partner industriali interessati alla valorizzazione dell’invenzione (licensing). Info e contatti: [email protected];
  • fornisce supporto e assistenza tecnico-amministrativa alla creazione di imprese ad alto contenuto tecnologico come gli spin-off. Info e contatti: [email protected].

Info e contatti: [email protected]

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti