La Turchia ratifica l’accordo di Parigi, ma vuole uscire dall’Annex I

Ieri il voto del parlamento di Ankara, che come condizione per l’adesione al patto sul clima chiede di accedere agli aiuti per i paesi in via di sviluppo.

ADV
image_pdfimage_print

Ieri, mercoledì 6 ottobre, il parlamento turco ha ratificato all’unanimità l’accordo di Parigi sul clima.

La Turchia era l’ultimo paese del G20 che mancava: il ritardo è dovuto alla resistenza per quella che il regime del presidente Tayyip Erdogan considerava come un’ingiustizia nel bilancio tra impegni richiesti e responsabilità storiche.

Infatti l’adesione al trattato arriva con una richiesta significativa: la Turchia lo sottoscrive  a patto di essere considerata, ai fini dell’accordo, un paese in via di sviluppo e non un paese del cosiddetto Annex I che raccoglie i paesi industrializzati.

Ankara ha inviato una proposta in merito al Segretariato dell’UNFCCC a Bonn, in Germania, per rimuovere il suo nome dall’elenco del citato allegato I: se la Turchia fosse espunta dall’elenco industrializzati, potrebbe beneficiare degli aiuti nella lotta per il clima che l’accordo prevede per i paesi in via di sviluppo.

La questione verrà affrontata alla COP26 di Glasgow (dal 31 ottobre al 12 novembre), ma non è chiaro quale sarebbe il risultato della ratifica turca dell’accordo come paese in via di sviluppo se il cambiamento di status non venisse approvato alla conferenza sul clima.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti