Produrre energia termica ed elettrica con un solo pannello, definito foto-termico o PV-Thermal (PVT), dopo alcuni anni di stasi (vedi nostro articolo dell’ottobre 2013) è una soluzione che sembra stia prendendo piede.

Ne parla anche l’ultimo “Solar Heat Worlwide” report (allegato in basso, da pag. 23 a 29), in cui si spiega che i 26 produttori di questi collettori che hanno risposto al questionario proposto loro dalla ricerca, distribuiti in 11 paesi, hanno finora venduto oltre un milione di metri quadrati di collettori. Si stima però che i produttori nel mondo sia una sessantina.

Diversi dati provengono dalla piattaforma di ricerca “Application of PVT collectors”, realizzata nell’ambito del IEA Solar Heating and Cooling programme.

Nel grafico una rappresentazione di come questi sistemi sono applicati. Come si vede la principale applicazione (oltre 20mila sistemi in funzione) è quella di usarli come mezzo per trasferire aria calda (solar air systems) e, in questo caso, il mercato più importante è sicuramente quello francese, anche in fatto di produzione.

In questi collettori/moduli PVT uno scambiatore di calore è posto nel retro delle celle fotovoltaiche, così che l’acqua o l’aria possa essere riscaldata dal componente FV-termico. In questo modo riescono ad utilizzare quasi il 70% della radiazione incidente.

La gran parte dei produttori si sono focalizzati su collettori PVT con liquido (48% collettori piani non vetrati, 28% collettori piani vetrati, 4% con collettori sottovuoto), mentre il 12% produce collettori ad aria e l’8% concentratori.

Nel grafico sotto si rappresenta la potenza nominale termica ed elettrica dei collettori PVT nelle diverse tipologia e per area lorda.

La potenza termica espressa in Watt termico/m2 è evidenziata dal box blu (rombo blu equivale al valore medio). La potenza fotovoltaica (Wp/m2 lordo) è evidenziata invece dalla barra scura (rombo verde equivale al valore medio).

Come detto, a fine 2018 la diffusione in termini cumulativi di questa tipologia di sistemi, limitatamente ai 26 produttori che hanno risposto al questionario (quindi circa il 50% del totale) ammontava a 1.075.247 m2.

Il 56% era stata venduto in Europa (in Italia poco più di 15.400 m2, per 7,3 MWt e 2,6 MWp) e il 44% negli altri continenti.

Fuori dall’Europa il principale produttore israeliano ha dichiarato di aver esportato 575mila metri quadrati di collettori PVT, soprattutto in Corea, Germania e Cina.

Se vogliamo fornire una potenza dell’installato totale mondiale i dati ci dicono che quella termica è pari 524 MWt e quella elettrica a 178 MWp circa.

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO

 

Foto in alto: EndeF (installazione in un albergo a Ibiza)