Gli impianti a biomasse non possono essere ricompresi nell’ambito delle “industrie insalubri” in quanto tali, cioè senza analisi tecniche sul singolo impianto che ne giustifichi l’inclusione nellae categoria, con relative restrizioni.

Lo ha ribadito il Tar

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
QualEnergia PRO