Trasferimento detrazioni edilizia, un chiarimento delle Entrate

  • 22 Giugno 2023

Come funziona il passaggio delle detrazioni fiscali in caso di decesso.

ADV
image_pdfimage_print

In caso di decesso di un cittadino beneficiario di detrazioni fiscali, le rate residue dell’agevolazione possono essere usufruite da un erede, anche se l’immobile non gli è pervenuto in successione ma era già suo.

L’unica condizione è che l’erede conservi la detenzione materiale e diretta dell’immobile.

A chiarirlo è l’Agenzia delle entrate in risposta al dubbio di un contribuente.

Nella circolare n. 28/2022 il Fisco ha infatti precisato che in caso di decesso del familiare convivente che ha sostenuto le spese per interventi agevolabili effettuati sull’immobile di proprietà di altro familiare, che ne diventa erede, quest’ultimo può continuare a usufruire delle rate residue della detrazione spettante alla persona deceduta.

Questo vale anche se l’unità immobiliare sulla quale sono stati effettuati i lavori non è stata acquisita per successione, ma era già presente nel patrimonio dell’erede, il quale, in quanto proprietario dell’immobile, ha comunque un vincolo giuridico con lo stesso che gli consente di beneficiare dell’agevolazione.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti