Parlamento Ue, l’elenco finale degli eletti italiani

CATEGORIE:

Tra i profili con maggiori competenze energia Procaccini (FdI), Corrado (PD) e Tamburrano (M5S). Il 16 luglio la prima convocazione a Strasburgo.

ADV
image_pdfimage_print

La sessione plenaria costitutiva del Parlamento europeo si terrà a Strasburgo da martedì 16 luglio a venerdì 19 luglio 2024. In questa occasione si eleggerà il presidente dell’assemblea, ma intanto arriva l’elenco definitivo degli eletti italiani (disponibile in basso).

Sulla Gazzetta ufficiale n. 157 del 6 luglio è stato pubblicato un comunicato della Cassazione con i 76 italiani prescelti (disponibile in basso).

Rispetto alle competenze sul tema energia (a vario livello), dopo le prime indicazioni post voto si conferma il pass Ue per: Nicola Procaccini, responsabile ambiente ed energia FdI; Dario Tamburrano, già europarlamentare M5S, relatore del Regolamento sull’etichettatura energetica e impegnato sui temi Cer e autoconsumo; Annalisa Corrado, che ha la delega alla Conversione ecologica nel PD; Benedetta Scuderi e Cristina Guarda di Avs, entrambe impegnate sul tema delle comunità energetiche.

Con esperienza maturata in Parlamento Ue anche Pietro Fiocchi (FdI), che è stato componente della commissione Envi (Ambiente) dove si è interessato, tra l’altro, di progettazione ecocompatibile dei commutatori elettrici. Stessa commissione per Maria Angela Danzì (M5S), tra l’altro membro della delegazione parlamentare alla Cop 28.

La pattuglia dei confermati a Bruxelles si alimenta, fronte PD, con Camilla Laureti, responsabile Politiche agricole del partito (un tema sempre più legato all’energia negli ultimi mesi) e Alessandra Moretti, già relatrice del regolamento Ue per l’eco-progettazione.

Ancora, per FI Massimiliano Salini, che in Europa si è occupato anche di carburanti, e Fulvio Martusciello, ex membro della commissione Itre (Energia). Si è seduta nella stessa Itre anche la rieletta Paolo Borchia, mentre Silvia Sardone ha lavorato nella Envi (ambedue esponenti Lega).

Prima esperienza, invece, per i rappresentanti FdI Antonella Sberna, che in passato ha collaborato con la presidenza della commissione Ambiente della Camera, e Daniele Polato, già assessore alle Partecipate del Comune di Verona.

Del M5S Giuseppe Antoci che è stato presidente del Parco siciliano dei Nebrodi.

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti