Scrivi

Il percorso di Baxi verso una produzione a impatto zero

Dopo un anno l'impianto FV sullo stabilimento di Bassano del Grappa ha coperto il 25% del fabbisogno annuale di elettricità dell’intero stabilimento e il 100% del fabbisogno per la fabbricazione delle caldaie.

ADV
image_pdfimage_print

Baxi SpA, azienda che opera nei sistemi di riscaldamento e climatizzazione, ha realizzato da un anno sul tetto dello stabilimento di Bassano del Grappa (VI) un impianto fotovoltaico da 992 kWp: 3.675 pannelli in silicio policristallino ad alta qualità ed efficienza per una superficie complessiva di 6.000 mq.

La produzione dell’impianto FV consente di soddisfare il 25% del fabbisogno annuale di energia elettrica dell’intero stabilimento e il 100% del fabbisogno per la fabbricazione delle caldaie.

Dal mese di luglio 2018, periodo di attivazione dell’impianto, sono stati prodotti 1.326.000 kWh di energia.

L’impianto è dotato di un display (collegato ad una piattaforma web) che visualizza i dati di produzione e di sistema. Permette così di misurare in diretta il trend di produzione elettrica e di verificare il livello di funzionalità ed efficienza dell’impianto stesso.

Inoltre, Baxi adotta il reporting annuale delle emissioni di gas serra basato sui principi del GHG Protocol e ISO 14064. Esso consente appunto il monitoraggio delle emissioni di gas serra dell’azienda con lo scopo di stabilire obiettivi e target sui processi che generano tale aspetto ambientale. Nel 2019 saranno 400 le tonnellate di CO2 in meno grazie alla sua politica aziendale.

Un’azienda green a cominciare dai prodotti

L’atteggiamento green di Baxi si riflette, prima di tutto, nei suoi prodotti. Una gamma vastissima che punta all’efficienza e, contemporaneamente, al minimo impatto ambientale.

Ne sono un esempio la progettazione della prima caldaia premiscelata a idrogeno per uso domestico, oggi in fase di test, ma anche i numerosi prodotti Baxi basati sulla tecnologia in pompa di calore, che consente di sfruttare il calore dell’aria, così come i sistemi ibridi integrati, in grado di fornire prestazioni elevate adattandosi alle condizioni ambientali esterne (temperature, irraggiamento solare e tasso di umidità relativa).

In caso di condizioni climatiche avverse in cui l’apporto da fonte rinnovabile non sia sufficiente per coprire i fabbisogni, il sistema ibrido fa intervenire la tecnologia più idonea, scegliendo tra le diverse fonti disponibili (sole, aria o gas) senza alcuna interruzione di sistema.

Le iniziative ecosostenibili di Baxi

Da anni inoltre Baxi adotta e propone principi etici quali il rispetto ambientale calandoli in ogni aspetto della sua attività. Non si limita ai soli fattori produttivi, ma suggerisce anche alle risorse interne comportamenti il più possibile environmental friendly. Ne è un esempio la recente adesione alla Green Week to Work, un’iniziativa che ha visto la partecipazione attiva di varie aziende del bassanese, nata come stimolo per raggiungere il luogo lavoro in modo sostenibile.

Un altro esempio di comportamento virtuoso dell’azienda riguarda il riciclo di tutte le acque di processo, che vengono opportunamente purificate e rese a emissione zero. Grazie al suo complesso sistema di riciclo a ricircolo, poi, Baxi non genera alcun tipo di scarico da processi industriali.

ADV
×