En Ergon, società del Gruppo Astea attivo nel servizio idrico integrato, produzione di energia, teleriscaldamento, trattamento dei rifiuti e distribuzione di gas nel territorio marchigiano, ha sottoscritto un accordo di finanziamento per un ammontare di 24 milioni di euro finalizzato alla realizzazione ad Ostra (AN) di un innovativo impianto di produzione di biometano da rifiuti organici di natura domestica.

L’operazione ha visto il supporto di Intesa Sanpaolo in qualità di Sustainability Coordinator e banca finanziatrice insieme al Gruppo BCC Iccrea, con il contributo di BCC Iccrea Banca, Banca di Filottrano e Banca di Credito Cooperativo di Recanati e Colmurano, mentre Loan Agency Services ha svolto il ruolo di Agente.

L’impianto permetterà il trattamento dei rifiuti di origine biologica e la gestione anaerobica di FORSU (frazione organica di rifiuti solidi urbani, comunemente detta “umido” proveniente dalla raccolta differenziata), con produzione di biometano e compost misto per usi zootecnici e florovivaistici.

Il progetto, già realizzato per l’80%, è l’unico attualmente autorizzato per il trattamento della FORSU nella regione Marche e ha la capacità di trattare la maggior parte della frazione organica proveniente dalla provincia di Ancona.

Il finanziamento è caratterizzato da un meccanismo di pricing legato al raggiungimento di obiettivi di decarbonizzazione e assicurerà determinati livelli di produzione di biometano e di compost su base annua.

Nell’ultimo rapporto di sostenibilità gli investimenti di Astea hanno toccato i 14,5 milioni di euro destinati sia alla realizzazione dell’impianto di Ostra sia per il rinnovamento delle reti. L’impianto di digestione anaerobica e compostaggio, autorizzato al trattamento di 32.500 tonnellate annue di FORSU e 12.500 tonnellate di “verde” (sfalci e potature), produrrà biometano per circa 3.000.000 di metri cubi annui, compost per circa 7.000 tonnellate all’anno e fertilizzante azotato per circa 2.000 tonnellate all’anno (vedi mappa-rendering).

A livello tecnico il trattamento, svolto mediante processo biologico di fermentazione, avverrà all’interno di digestori anaerobici chiusi. Durante il processo di fermentazione sarà rilasciato biogas dalla sostanza organica che sarà quindi raccolto, convertito in biometano mediante processo di upgrading e quindi immesso in rete. Una volta esaurito il processo di fermentazione, il prodotto organico (digestato) trattato ed essiccato sarà convertito in terriccio e\o fertilizzante di qualità utilizzabile in agricoltura.

Per la quota parte finanziata da Intesa Sanpaolo, l’operazione è stata conclusa dalla Divisione IMI Corporate & Investment Banking guidata da Mauro Micillo con il supporto del Circular Economy Desk di Intesa Sanpaolo Innovation Center, società dedicata all’innovazione e alla diffusione dell’economia circolare.