I Paesi europei sono tra i principali finanziatori della guerra di Putin in Ucraina con le loro massicce importazioni di combustibili fossili da Mosca: i dati aggiornati al 3 giugno mostrano che nei primi cento giorni di conflitto la Russia ha ricavato 93 miliardi di euro dalla vendita di gas, petrolio e carbone, di cui 57 miliardi […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO
Sei abbonato PRO? Accedi con le tue credenziali.
Non sei abbonato PRO? Scopri i vantaggi dell’abbonamento annuale e provalo gratis per 10 giorni o abbonati subito.