Detrazioni fiscali e destinazione d’uso dell’immobile, chiarimenti delle Entrate

A quale detrazione è possibile accedere tenendo conto della variazione di destinazione d'uso dell'immobile all'inizio o alla fine dei lavori?

ADV
image_pdfimage_print

Per comprendere quale sia la detrazione fiscale alla quale si potrà accedere per i lavori realizzati su un immobile, bisogna tenere conto della destinazione d’uso che questo assumerà alla fine delle opere in corso, purché nel provvedimento amministrativo che autorizza i lavori risulti chiaramente che gli stessi comportano il cambio di destinazione d’uso.

Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate rispondendo a un contribuente che realizzerà dei lavori su un appartamento che diventerà successivamente uno studio professionale.

In questo caso, spiegano le Entrate, non sarà possibile accedere alla detrazione secondo l’articolo 16-bis del TUIR che non lo consente, ma potrà farlo con l’Ecobonus, disciplinato dall’art. 14 del decreto legge 63/2013, al quale si può accedere anche per lavori realizzati su unità non abitative.

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO

Si veda anche: Tutto sul Superbonus 110%, la raccolta di QualEnergia.it

ADV
×
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna agli abbonamenti