Il trasferimento delle detrazioni fiscali in caso di decesso dei beneficiari può avvenire solo se l’erede può disporre dell’immobile e non se l’immobile è affittato.

A chiarirlo è l’Agenzia delle entrate intervenuta per sciogliere il dubbio di un contribuente.

L’erede dell’usufruttuario, ha aggiunto il Fisco, se è anche nudo proprietario dell’immobile oggetto degli interventi di ristrutturazione, ha la possibilità di portare in detrazione le rate residue non usufruite dalla persona deceduta, poiché, in qualità di proprietario dell’immobile, ha il titolo giuridico che gli consente di richiedere l’agevolazione.

Tuttavia, come anticipato, è necessario che abbia anche la detenzione materiale e diretta del bene.

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO