Mentre gran parte della discussione sulla transizione energetica ruota intorno a fonti rinnovabili e batterie, sottotraccia si sta formando una nuova filiera basata su tecnologie fino a poco tempo fa relegate a usi industriali o di laboratorio. Un esempio è quanto realizzato dal gruppo del fisico Luigi Crema, ricercatore alla fondazione Bruno Kessler di Trento: […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.