Un anno fa avevamo annunciato l’invenzione all’Università di Harvard di un nuovo tipo di batterie a flusso che utilizza composti organici economici e biodegradabili per l’accumulo di elettricità. Non ci aspettavamo però proprio che questa invenzione sarebbe poi stata sviluppata non in Usa o in Cina, ma in Italia. «Si tratta di un percorso inverso […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.