Un Comune non può chiedere a una società che gestisce un impianto a fonti rinnovabili di pagare le misure compensative, previste dal DM 10 settembre 2010, in modo automatico, senza che ci siano dei particolari impatti sull’ambiente e sul territorio. Questo, in sintesi, il parere del Tar Lombardia in una recente sentenza (n. 536 del […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.