Su discarica o aree contaminate, fotovoltaico, e magari con una quota di autoconsumo: la tipologia di impianto che sembra più favorita dalla bozza del nuovo decreto rinnovabili fa pensare a Eni e alla  sua iniziativa per realizzare, nei prossimi 4 anni, 220 MW di fotovoltaico in 15 progetti proprio su aree industriali dismesse, anche grazie […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.