La pandemia di coronavirus ha evidenziato i limiti di flessibilità e resilienza delle catene di fornitura internazionali. Ne è nato un dibattito sull’opportunità di rimpatriare attività attualmente delocalizzate, per essere meno dipendenti da fornitori esteri ed evitare improvvisi colli di bottiglia negli approvvigionamenti. Anche nel settore delle energie rinnovabili ci si sta interrogando in merito, […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.