In Italia, le soprintendenze archeologiche hanno indetto una “guerra civile”, o forse meglio “incivile”, contro gli operatori del fotovoltaico. È uno scontro che nel breve termine rischia di compromettere investimenti e posti di lavoro, e che nel medio-lungo termine, a causa della crisi climatica, contribuirà a desertificare o stravolgere e spopolare ulteriormente quegli stessi territori […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.