Con una recente sentenza (n. 155 del 21 luglio 2020), la Corte costituzionale ha accolto un ricorso della Regione Toscana, dichiarando che è costituzionalmente illegittima la norma statale che stabilisce l’obbligo di destinare alle province e alla città metropolitane almeno il 60% dei canoni di concessione delle grandi derivazioni idroelettriche. Più in dettaglio, scrivono i […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.