Il credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali è alternativo e non cumulabile, in relazione alle medesime voci di spesa, con ogni altra agevolazione prevista dalla normativa statale, regionale o europea (articolo 4, comma 3, Dpcm 16 maggio 2018, n. 90). Pertanto, il beneficio non si può cumulare con altre agevolazioni, tra cui il credito d’imposta per gli investimenti […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.