Alle latitudini settentrionali, caratterizzate da innevamento, gli inseguitori fotovoltaici a doppio asse, che si muovono cioè sia in senso orizzontale che verticale, e dotati di moduli bifacciali hanno fatto registrare prestazioni di assoluto rilievo, ben superiori a quelle di configurazioni di montaggio tradizionali. È la conclusione cui è giunto un nuovo studio, allegato in fondo […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.