I riflettori della Commissione Europea sono puntati su cinque aziende cinesi del fotovoltaico che potrebbero essere escluse dall’accordo sul minimum import price (MIP) e, dunque, essere costrette a pagare i dazi sui loro prodotti importati in Europa. Peccato che alcune di queste abbiano già deciso autonomamente di abbandonare il recinto dei prezzi minimi, dato che […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.