Nanoparticelle porose fluorescenti che catturano e modificano l’energia della luce emessa dal Sole, come delle piccole antenne invisibili. Parliamo di “emitting porous aromatic frameworks” (ePAF), il nuovo materiale sviluppato dall’Università di Milano-Bicocca per cercare di non sprecare neanche un raggio luminoso (un fotone per la fisica quantistica) prodotto dal sole. Il Sole irradia la Terra […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.