Secondo l’accusa, il cosiddetto artato frazionamento – cioè la pratica di presentare richieste di autorizzazione per più impianti di taglia minore anziché per uno più grande – era “un sistema di frode finalizzato alla indebita percezione degli incentivi”, ma per i magistrati non si tratta di truffa, in quanto il titolo edilizio esula dalle competenze […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.