Prima la crescita, poi il crollo dovuto ai cambiamenti normativi, con un pesante consolidamento che ha spazzato via i più deboli. Resta una filiera fatta in media da aziende abbastanza robuste, ma il mondo delle rinnovabili italiano non reggerebbe un altro colpo come quello arrivato dal 2012 in poi. Se il tasso di crescita medio […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.