L’attuale disciplina in materia di dispacciamento elettrico “è particolarmente penalizzante per le rinnovabili non programmabili, che vedono applicati ai propri sbilanci oneri che oscillano tra 0,5 e 7 €/MWh.” Lo sostengono Anev e Italia Solare che per questo hanno inviato al nuovo collegio del’Arera delle considerazioni in merito alla disciplina del dispacciamento dell’energia elettrica e […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.