Diversamente da quanto stabilito per le unioni civili, per le convivenze di fatto la legge Cirinnà non ha previsto l’equiparazione al matrimonio. Pertanto, il convivente non può fruire della detrazione relativa alle spese sostenute nell’interesse dell’altro convivente. Questo un altro degli aspetti chiariti dalla circolare n. 7/E del 27 aprile 2018 (pagina 20) dell’Agenzia delle […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.