La Commissione europea sta per inviare all’Italia una nuova lettera di costituzione in mora, nell’ambito della procedura d’infrazione 2011/2026 avviata quasi 8 anni fa nell’ambito del contenzioso sulle concessioni idroelettriche. A darne notizia è lo stesso esecutivo di Bruxelles tramite una nota stampa (link in basso), in cui spiega di ritenere che “le autorità italiane […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.