Cementifici, acciaierie, cartiere, stabilimenti petrolchimici, raffinerie: queste e altre aziende “energivore” in Europa sono incentivate a diffondere sostanze inquinanti, anziché contribuire a tagliare le emissioni di CO2, che difatti, dopo alcuni anni, sono tornate a salire in vari comparti industriali. Nel suo nuovo rapporto, European Fat Cats (documento allegato in fondo all’articolo), l’organizzazione indipendente Climate […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.