Le criticità principali dello schema dei Titoli di efficienza energetica manifestatesi nell’ultima fase del meccanismo e che hanno portato al correttivo entrato in vigore lo scorso 11 luglio 2018 sono note. La ricerca di regole troppo stringenti sull’addizionalità e la consistente mole di dati richiesta per i progetti, non comparabile con altri schemi (ma giustificabile, […]

Questo contenuto è riservato agli Abbonati QualEnergia.it PRO.
Accedi ora per vedere il contenuto oppure prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito.