SunCity si conferma leader nelle graduatorie dei registri del DM FER gruppo A-2, cioè impianti fotovoltaici di nuova costruzione i cui moduli sono installati in sostituzione di coperture di edifici e fabbricati rurali su cui è operata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto.

Sono da poco uscite le graduatorie del V registro e il 100% dei progetti presentati da SunCity sono stati ammessi, per un totale di 4 MW, che uniti a quanto aggiudicatosi nei primi quattro registri raggiunge un totale di circa 16 MW.

Questo risultato porterà a smaltire quasi 80.000 mq di amianto.

Anche per il prossimo registro sono in cantiere numerosi progetti da presentare, per un totale di circa 10 MW.

“L’importanza di affidarsi a professionisti come SunCity che possano garantire l’accesso agli incentivi in uno scenario burocraticamente molto complesso è la condizione necessaria per raggiungere l’obiettivo” ha detto Giovanni Di Matteo, Project Manager del Gruppo SunCity. Abbiamo già avviato i cantieri di quasi tutti i 23 impianti dei primi quattro registri”.

Un esempio interessante è un intervento nella zona industriale di Anagni, in provincia di Frosinone, dove SunCity ha sostituito l’amianto presso la Plastica Alto Sele, azienda che opera nel settore delle resine sintetiche da oltre 30 anni, insieme a Euroimpianti srl, installatore Suncity Partner con sede nella provincia di Salerno, e GL Multiservices, coperturista di Palermo.

L’obiettivo del cliente era di smaltire l’amianto presente sulle coperture dello stabilimento senza alcun investimento iniziale.

L’installatore Euroimpianti ha poi realizzato una copertura fotovoltaica da 1 MWp, costituita da 2.942 moduli fotovoltaici monocristallini JinkoSolar con half cut cell e una potenza di 335 watt. I pannelli sono allacciati a 9 inverter di stringa trifase Huawei SUN2000 100-KTL.

Per l’intervento è stato sostenuto un investimento iniziale di 1,2 milioni di euro, interamente sostenuto da SunCity e dal Gruppo A2A, che ha permesso di smaltire 10mila mq di amianto.

Ogni anno l’impianto potrà produrre 1,2 GWh di elettricità solare che saranno immessi nella rete elettrica nazionale o ceduti a prezzi convenienti al proprietario del capannone, pari al consumo energetico annuo di 400 famiglie.

Guarda il video