Le batterie di Tesla sono un elemento essenziale, ma non l’unico, della “centrale elettrica virtuale” (VPP, Virtual Power Plant) entrata di recente in funzione in Belgio nell’ex area mineraria di Terhills.

Difatti, la particolarità del progetto sviluppato da REstore, la compagnia belga (nel 2017 è stata acquisita dall’inglese Centrica) specializzata nella gestione flessibile e intelligente della domanda energetica dei clienti industriali-commerciali, è l’integrazione di differenti tecnologie nello stesso impianto.

Ci sono 140 unità …

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
QualEnergia PRO