La divisione tra favorevoli e contrari ai dazi antidumping sui pannelli solari cinesi, anziché raggiungere un accomodamento alla luce delle ultime proposte della Commissione UE, continua a essere molto netta, probabilmente ancora più esacerbata rispetto ai mesi scorsi.

In un recente incontro a Bruxelles – citato da entrambe le associazioni che si stanno fronteggiando nella “guerra” dei dazi: SolarPower Europe (SPE) vs EU ProSun – gli Stati membri hanno discusso sul futuro delle tariffe di importazione che colpiscono celle e moduli fotovoltaici made in China …

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
QualEnergia PRO